biblioteche Marche,Marche,catalogo,OPAC,ebook,libri,urbino,lettura,ebook,wifi in biblioteca,università urbino

Contratti trasformativi

Passaggio dal modello di sottoscrizione all’Open Access


L’Università di Urbino, tramite l’attività di negoziazione del gruppo Care della Crui, ha iniziato a sottoscrivere con alcuni grandi editori stranieri dei contratti trasformativi. I contratti trasformativi sono una soluzione transitoria per passare al modello dell’Open Science e sono già attivi in diversi Paesi europei.
La conseguenza pratica che si porta all’attenzione è la seguente: gli autori del nostro Ateneo hanno la possibilità di pubblicare articoli in OA senza il pagamento delle APC sulle riviste pubblicate dagli editori con i quali l’Università di Urbino sottoscrive contratti trasformativi.
Gli editori con i quali il Sistema Bibliotecario ha sottoscritto un contratto trasformativo al momento sono:

Fasi della pubblicazione


  1. L’autore (il corresponding author, cioè chi si incarica tra i vari autori di sottoporre l’articolo e di seguire l’iter della pubblicazione) sottopone un articolo a una rivista (è importante che utilizzi la sua mail istituzionale);
  2. la rivista in seguito al processo di peer review valuta l’articolo;
  3. nel caso l’articolo sia stato accettato, l’autore può decidere se pubblicarlo ad accesso aperto;
  4. una volta comunicata tale scelta all’editore, l’editore ‘tiene in sospeso’ l’articolo fino a quando non riceve conferma dell'affiliazione del corresponding author;
  5. una volta ricevuta la conferma si avvia il processo di pubblicazione in OA dell’articolo, senza costi aggiuntivi.

Nota Bene:
Il numero di articoli per cui le APC per pubblicare in OA sono gratuite, perché comprese nel contratto, è indiviso e comune a tutte le Università italiane che sottoscrivono il contratto con quell’editore tramite Crui; questo numero è limitato e la possibilità della pubblicazione gratuita viene concessa a chi prima ne farà richiesta, fino all’esaurimento del numero di articoli attribuiti dall’editore all’Italia.