This is Lite Plone Theme
Tu sei qui: Home Home Risposte

Risposte

Le risposte alle vostre domande

A chi sono rivolti i servizi?

I servizi del Sistema Bibliotecario d'Ateneo sono rivolti in primo luogo ai nostri utenti interni: studenti, docenti e ricercatori, borsisti, assegnisti, dottorandi, personale tecnico-amministrativo, chiunque altro abbia un rapporto ufficiale di studio o lavoro con l'Università di Urbino. Possono usufruire di alcuni dei nostri servizi (consultazione e prestito) tutti coloro che sono residenti nella provincia di Pesaro e Urbino.

 

I servizi sono gratuiti?

Gli unici servizi a pagamento sono  la fotocopiatura dei documenti, che è un servizio esterno, il Prestito interbibliotecario e il Document delivery (fornitura di libri o articoli posseduti da altre biblioteche) che prevedono un rimborso spese. Per l’accesso a internet è necessario avere un username e password personali che vengono attribuiti dalla Segreteria studenti al momento dell’iscrizione.

 

Come trovo i testi da consultare o da prendere in prestito?

La reperibilità fisica (collocazione) dei documenti e la loro ammissione o esclusione al prestito si possono ricavare dal Catalogo di Ateneo  in linea. Per i libri non posseduti da nessuna delle biblioteche del Sistema Bibliotecario è possibile comunque rivolgersi al servizio di prestito interbibliotecario (ILL) della propria biblioteca di riferimento.

Per la Biblioteca Centrale Umanistica, non essendo ancora completato il recupero nel catalogo in linea di tutti i volumi posseduti, per i libri pubblicati prima del 1995, è necessario consultare anche i cataloghi cartacei reperibili all'interno della biblioteca.

La consultazione in sede è garantita da tutte le biblioteche. L'accesso avviene direttamente o rivolgendosi al personale addetto. Fanno eccezione le opere antiche e di pregio per le quali è necessaria un'autorizzazione da parte del responsabile della biblioteca.

 

Quali documenti non sono ammessi al prestito?

Non sono normalmente ammessi al prestito esterno: libri antichi, rari e di pregio, enciclopedie, dizionari, glossari, prontuari, raccolte di leggi, periodici, libri di testo segnalati nel Vademecum, di cui è presente una sola copia in biblioteca, le monografie conservate presso gli Istituti e i Dipartimenti.

 

Quali sono le condizioni del servizio di prestito?

L'utente che non ha mai preso libri in prestito in una delle Biblioteche del Sistema bibliotecario provinciale (vd. elenco) deve registrarsi; la registrazione  richiede pochi minuti e può avvenire presso qualsiasi biblioteca del Sistema , presentando il libretto d'iscrizione (per gli studenti dell'Ateneo) o un documento di identità (per i residenti nella provincia di Pesaro e Urbino). La durata del prestito è generalmente di 30 giorni e il numero di documenti che possono essere presi varia a seconda della biblioteca presso cui ci si è rivolti. Al momento del prestito l'utente è tenuto a controllare l'integrità dei documenti e a segnalare eventuali anomalie; i danni riscontrati al rientro del documento saranno considerati di sua responsabilità, e dovrà provvedere alla sua sostituzione in accordo con i bibliotecari. La biblioteca rimane comunque proprietaria del documento danneggiato, in quanto bene demaniale.

 

E' possibile rinnovare il prestito?

Sì, ma solo quando il documento non è stato riservato o prenotato in precedenza da un altro utente. Per il rinnovo è sufficiente contattare la biblitoeca interessata tramite telefono o e-mail per ottenere una proroga del prestito.

 

E' possibile prenotare un documento?

I libri, già in prestito ad altri utenti, possono essere prenotati o rivolgendosi al personale di biblioteca  oppure effettuando la prenotazione direttamente dal catalogo della elettronico, richiedendo il codice lettore in biblioteca.

 

Potete procurare in prestito libri posseduti da altre biblioteche, esterne al Sistema Bibliotecario d'Ateneo (prestito interbibliotecario)?

Il servizio di prestito interbibliotecario consiste nel recupero e nella fornitura di documenti originali o in copia di libri non presenti nelle biblioteche d'Ateneo ed è garantito a tutti gli utenti interni.
Il servizio è soggetto a rimborso spese. Il lettore è tenuto a rispettare condizioni, restrizioni e rimborsi previsti dalla biblioteca prestante e dalla biblioteca a cui si è rivolto e risponde personalmente di eventuali smarrimenti o danneggiamenti alle pubblicazioni ricevute in prestito.

Per le modalità e i costi è necessario rivolgersi al servizio di Prestito interbibliotecario della propria biblioteca di riferimento.

Quali cataloghi posso consultare per avere informazioni sulle riviste?

Le riviste cartacee acquistate dall'Ateneo sono registrate sia nel Catalogo Unico on line, sia nel catalogo nazionale dei periodici ACNP, in cui tra l'altro si trovano informazioni sul posseduto delle riviste nazionali e internazionali possedute dalla gran parte delle biblioteche italiane; per le riviste dell'ambito economico-sociologico il catalogo ESSPER offre anche lo spoglio di una ampia selezione di articoli.

 Per i periodici elettronici puoi consultare il catalogo on line AtoZ che consente di ricercare i periodici elettronici acquistati dalle biblioteche dell'Ateneo, ad accesso riservato, insieme a una vasta selezione di periodici elettronici ad accesso aperto; per accedere ai periodici ad accesso riservato è necessario connettersi da un indirizzo IP appartenente al range di Ateneo (rete fissa e wireless), o attivare un Proxy.

 

 Quali sono le modalità per accedere a Internet in biblioteca?

Presso tutte le Biblioteche del Sistema Bibliotecario d'Ateneo sono disponibili postazioni al pubblico per l'accesso gratuito in rete; nelle stesse sedi è possibile connettersi anche da un proprio PC in modalità wireless. Gli studenti possono accedere alla rete d'Ateneo inserendo username e password che sono stati attribuiti loro dalla Segreteria studenti al momento dell'iscrizione al corso di laurea.

Si possono consultare le risorse elettroniche dell'Ateneo anche da casa attraverso la configurazione di un Server-Proxy (istruzioni).